Nichi Vendola

9 Dic

C’è qualcosa di epico nel tentare l’ammutinamento mentre la nave (PD) sta affondando. Ma se il nuovo capitano riesce a scuotere l’equipaggio fiaccato dalla noia e dal rum, si può sfidare anche la peggiore delle tempeste. Lo slogan della sommossa potrebbe coincidere con una vecchia massima di puro buonsenso: “Non capisco e non mi adeguo”, che è quasi lo stesso di Avevo un cappio intorno al collo, ma le spalle le ho sempre avute libere.

Basta con le buffonate e le invenzioni. Basta con i bluff e le sparate. Scopriamo le carte, per la prima volta, raccontiamo tutta la storia senza scuse né scappatoie: il percorso odierno verso l’inumano è lastricato di ottima tecnologia e moltissimo botox! Mentre La vera storia del pirata Long John Silver mina ogni retorica talassoterapica e ci riporta a tutti quei marinai, sui cadaveri dei quali è stato costruito il benessere moderno (Spa comprese), osserviamo i contorni della sagoma del bucaniere sfumare in quelli del cittadino Vendola, deciso a sbaragliare le logiche del Potere con il carisma della Verità e l’afflato della Disperazione. Dati i tempi non resta poi molto da scegliere: ostaggi o capitani di ventura?

La vera storia del pirata Long John Silver di Björn Larsson, Iperborea 1998, p. 528, e. 18,50, trad. Katia De Marco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: