Enrico e Carlo Vanzina

22 Dic

Roberto: Papà, a te t’ha fregato il benessere. Tu facevi il capo mastro! Invece oggi c’hai i soldi e te scandalizzi. M’hai mandato in America, a New York, tsz, noi semo de Frascati! A papà e piantala… e poi, mamma gioca a Gin al circolo Canottieri e se veste da Versace? Tu metti l’orologio al polso come Gianni Agnelli? E io vado a letto co Leonardo Zartolin, perché nun se po’?
Giovanni: No, nun se po’, nun se po’! Comunque è tutta corpa tua.
Sig.ra: Ah sì, è corpa mia se c’abbiamo er fjo frocio!
Roberto: Eeeeeh frocio… bisex… moderno moderno mamma, ecco moderno!
Giovanni: Moderno? Moderno un par de palle!!! Oddio, io me sento male. Senti la vena, senti la vena come batte! E j’avevamo dato pure la governante tedesca a lui. Mo te la saluto la Frora.
Roberto: E ‘a fauna… papà…. Fräulein!
Sig.ra: Ma statte zitto che io nun ce parlo co un ignorante cafone frascataro come te.
Giovanni: Ha parlato Susanna Agnelli, ma vedi come vai in giro? Me sembri no spaventa passeri.
Sig.ra: E tu un cassamortaro!
Giovanni: Oh dimme un po’ mo, sta Samantha ma… ma che me rappresenta?
Roberto: È un’amica… l’ho anche castigata!
Giovanni: Che vor dì castigata?
Roberto: Uuuh, papà so modernooo, castigo la straniera e vado a letto co Zartolin. Pensa che ci diamo ancora del lei..Zartolin, tenga, la mutanda!
Giovanni: Roberto, è tuo padre che ti parla: ma vedi d’annà a fanculo!

Questo si urlavano Roberto Covelli (Cristian De Sica) e Giovanni Covelli (Riccardo Garrone), in una scena di Vacanze di Natale, 1983, regia dei fratelli Vanzina.
Enrico e Carlo Vanzina, i cantori del generone romano, della Roma dei Parioli e del Circolo Canottieri Aniene di cui sono soci , nonché amici fraterni del presidente Giovanni Malagò (oggi indagato per abuso edilizio nell’inchiesta sui Mondiali di Nuoto). I Vanzina, oltre a molti film di cassetta, ci hanno regalato due film indimenticabili, “Sapore di Mare” e Vacanze di Natale.
Senza quest’ultimo anche un capolavoro della letteratura come Persecuzione di Alessandro Piperno sarebbe stato diverso, una scena sicuramente.
Ecco cosa consigliamo ai fratelli Vanzina.
E siccome siamo sotto le feste, vi facciamo i nostri migliori auguri con Giovanni Covelli: “E anche questo Natale se lo semo levato dalle palle!”

 
Alessandro Piperno, Persecuzione, Mondadori 2010, p. 417, e. 20

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: