Tag Archives: Fausto Bertinotti

Fausto Bertinotti

6 Dic

Quando Joseph McCarthy lanciò la sua campagna anticomunista in tutti gli Stati Uniti, Iron Rinn era all’apice della sua seconda carriera. Scaricatore di porto, attivista sindacale, Iron, uomo verticale, s’era guadagnato un posto nel gotha dirigenziale americano grazie al successo come attore radiofonico. Ma per un uomo affezionato all’utopia, il successo, luogo in cui regna la distopia, non è la patria migliore. E Iron proverà i miasmi della celebrità, le moine della vita agiata, la lacerante separazione tra vita privata e ideali. Sarà sua moglie a tradirlo, stella del cinema muto, attraverso la pubblicazione di un libro di successo, Ho sposato un comunista. Proponiamo a Fausto Bertinotti l’affresco di Philip Roth su un’America già instradata verso l’attualità, in cui gossip e semplificazione delle idee sono i veri protagonisti del dibattito pubblico. In cui il socialismo si muove nella minuscola pozzanghera lasciata in vita dalle grandi industrie. Affinché, attraverso l’esercizio appassionante della lettura, affiorino analogie e discordanze con le proprie esperienze, con le battaglie e gli errori, con le proprie irriducibili fedeltà, vere o presunte.

Philip Roth, Ho sposato un comunista, Einaudi 2005, trad. Vincenzo Mantovani