Tag Archives: Malavoglia

Daniela Santanché

27 Dic

 

Se è vero che il modo di esprimersi di un essere umano, le parole che usa per comunicare, le idee che risultano centrali nei suoi ragionamenti, sono uno dei pochi indicatori realmente validi del suo modo di essere, Daniela Santanché, viste le infinite partecipazioni televisive, non ha molti segreti per i suoi malcapitati esegeti. I Malavoglia di Giovanni Verga, dunque, ci sembra un libro per lei sufficientemente pedagogico.  Nonostante si tratti di un classico, nonostante narri vicende ambientate negli appena successivi all’unità d’Italia, è ancora spaventosamente attuale. Perché oggi come allora, forse più di allora, esiste chi ha il problema della sussistenza, e che la sussistenza non si risolve ottemperando alla mancanza del pane con una fornitura di brioches. Insomma, Daniela Santanché, operando una dilatazione temporale facile facile, dovrebbe rendersi conto che non tutti trascorrono le giornate dedicando le proprie capacità di problem solving a stabilire quali siano, gettone dopo gettone, party dopo party, ricevimento dopo ricevimento, salotto dopo salotto,  i più sciccosi accostamenti tra scarpe, borse e ombretti da offrire in dono allo sguardo dei commensali. Tale consapevolezza potrebbe insinuare, in seconda istanza, il dubbio che per la carriera politica sia necessaria qualche virtù in più che intendersi d’alta moda per signore.

Giovanni Verga, I Malavoglia, Garzanti 2007, LXXVII ed., pag. 279. e.7,50.

Annunci